SCRIVICI:         SEGUICI:        

Expertise

Lo Studio legale internazionale Saccucci & Partners (S&P) opera principalmente nel campo dei diritti umani, del diritto internazionale, del diritto civile, del diritto amministrativo e del diritto sanitario e farmaceutico, assistendo una variegata clientela nazionale e internazionale (privati, società italiane e straniere, enti pubblici, strutture sanitarie pubbliche e private, organizzazioni non governative, associazioni di categoria, ecc.). In particolare, lo Studio S&P ha maturato un’ampia esperienza nell’ambito del contenzioso interno e internazionale (giudiziale e arbitrale), specialmente in materia di tutela dei diritti umani, oltre che ad aver acquisito una qualificata competenza nella prestazione di servizi di consulenza a soggetti pubblici e privati operanti nel settore sanitario e farmaceutico.

Grazie all’alto profilo dei suoi professionisti e alla loro formazione specialistica, lo Studio S&P viene spesso chiamato ad occuparsi di questioni molto complesse dinanzi ad organi giurisdizionali internazionali (quali la Corte europea dei diritti dell’uomo, la Corte di giustizia dell’Unione europea, il Tribunale di primo grado dell’Unione europea, la Corte penale internazionale e il Tribunale amministrativo dell’Organizzazione internazionale del lavoro), a tribunali arbitrali interni e internazionali (quali l’ICC e l’ICSID), nonché dinanzi a giurisdizioni interne di merito, civili e amministrative, e superiori (Consiglio di Stato, Corte di cassazione e Corte costituzionale).

Lo Studio S&P è in grado di assistere i propri clienti nella soluzione di controversie di tipo transnazionale avvalendosi all’occorrenza dell’ausilio di studi professionali stranieri ed è in grado di proporre soluzioni innovative, versatili ed efficaci che tengono conto dei più recenti sviluppi normativi e giurisprudenziali, oltre che delle possibilità di addivenire a soluzioni di tipo mediativo-conciliativo o transattivo delle controversie.

 

Alcune questioni di cui ci stiamo occupando

  • diritto dell'imputato di partecipare all'udienza di discussione in dibattimento
  • diritto dei pensionati alla restituzione dei maggiori importi non percepiti in esecuzione della sentenza della Corte costituzionale sull'illegittimità della sospensione della perequazione
  • obblighi positivi della Stato in materia di accesso pluralistico al mercato del digitale terrestre
  • diritto al riesame delle sentenze penali di condanna da parte di una giurisdizione superiore
  • mancata esecuzione di una sentenza straniera resa nei confronti di società a prevalente controllo pubblico
  • compatibilità con il diritto al rispetto dei beni di misure cautelari reali di sequestro conservativo e preventivo
  • azioni di risarcimento del danno per diffamazione a mezzo internet
  • blocco quadriennale (2011-2014) degli scatti, adeguamenti e incrementi retributivi nel pubblico impiego
  • divieto assoluto di costituzione e adesione ad associazioni sindacali in ambito militare
  • omessa declaratoria della prescrizione nel giudizio di cassazione in caso di inammissibilità del ricorso per manifesta infondatezza
  • violazione del ne bis in idem per cumulo di sanzioni penali e tributarie per illeciti fiscali
  • ristrutturazione del debito sovrano della Grecia e tutela degli obbligazionisti privati vittime dell’operazione di swap del 2012
  • responsabilità dello Stato per omesso adempimento degli obblighi di soccorso in mare dei migranti nella zona SAR
  • violazione della presunzione di innocenza per effetto di dichiarazioni colpevoliste da parte di autorità pubbliche
  • legittimità costituzionale del contributo di solidarietà per i pensionati ex INPDAI
  • applicazione retroattiva delle nuove norme in tema di incandidabilità e decadenza dal mandato parlamentare
  • modifica retroattiva dei tassi applicabili ai buoni postali fruttiferi e tutela della legittima aspettativa dei possessori di tali buoni
  • risarcimento del danno in favore dei cittadini della ex Jugoslavia vittime della cancellazione dai registri permanenti della Slovenia
  • confisca di beni in caso di proscioglimento per prescrizione dal reato di lottizzazione abusiva
  • violazione del principio di sicurezza giuridica per effetto della rivalutazione in altro processo della ingiustizia di una sentenza passata in giudicato e non impugnata per revocazione
  • azioni a tutela dei possessori di vecchie lire vittime dell’anticipazione del termine per la conversione in euro
  • condanna erariale al risarcimento del danno da disservizio a carico delle concessionarie del gioco lecito
  • legittimità delle modalità di acquisizione dei tabulati telefonici da parte dell’autorità giudiziaria
  • azioni a tutela delle popolazioni colpite dall’inquinamento delle acque da arsenico
  • tutela della reputazione on-line e diritto all'oblio
  • mancata rinnovazione delle prove orali in appello in caso di riforma della sentenza assolutoria di primo grado

Alcune questioni di cui ci siamo occupati

  • divieto di circolazione in area Schengen senza carta d’identità valida per l’espatrio
  • mancata esecuzione delle delibere dell'AGCOM da parte del servizio pubblico radio-televisivo
  • esterovestizione "intracomunitaria" e limiti all'esercizio della libertà di stabilimento
  • limiti del controllo giurisdizionale sulla legittimità delle misure interdittive antimafia
  • retroattività in mitius e norme sulla prescrizione
  • immunità dell'agente diplomatico negli Stati terzi di transito
  • respingimenti in alto mare di migranti stranieri provenienti dalla Libia
  • azioni a tutela dei titolari di stabilimenti balneari le cui concessioni non siano state rinnovate o siano state annullate per effetto della Direttiva 2006/123/CE (c.d. Direttiva Bolkestein)
  • limiti alla valutabilità di pubblicazioni scientifiche nei concorsi universitari
  • violazione del diritto ad un equo processo per omesso contradditorio sulla prova orale determinante ai fini della condanna
  • controversie arbitrali relative alla grande distribuzione alimentare
  • difetto di imparzialità degli arbitri e obbligo di disclosure
  • prolungamento biennale in servizio dei docenti universitari
  • cancellazione dei cittadini della ex Jugoslavia dal registro dei residenti permanenti della Slovenia e prolungato difetto di status giuridico
  • compatibilità con la CEDU delle misure di prevenzione antimafia
  • violazione del principio di imparzialità del giudice ed esternazioni alla stampa
  • mancata puntuale esecuzione a livello interno di sentenze della Corte europea dei diritti dell’uomo
  • risarcimento del danno da occupazione appropriativa o usurpativa
  • violazione degli obblighi di protezione della vita ai danni delle persone contagiate da sangue infetto
  • effettività della difesa di ufficio nel processo penale